La rivolta del Cral

Stampa
Categoria: Non categorizzato
Data pubblicazione Scritto da Super User

"Lo sferragliare dei cingoli sui cubetti di porfido, produceva un suono cupo che sinistramente rimbombava nell'aria. I vetri dei balconi e delle finestre che davano sul corso, vibravano come corde di violino pronte a spezzarsi..."

Sembrerebbe l'incipit di un romanzo ottocentesco, ma non si tratta di carrozze, bensì di pale meccaniche e non siamo nell'800 ma nel 2025.

Luoghi, personaggi, parole sembrano correre sul filo dell'evoluzione, una Napoli che appare intrisa delle sue tradizioni, dei suoi sapori, dei suoi odori, ma proiettata in una dimensione surreale, un rapporto ambivalente, che la stringe in se stessa.

L'invito alla legalità rivolta le antiche tradizioni, l'evoluzione tecnologica avanza senza tregua e il potere del controllo aleggia ovunque.

L'autore dà vita a personaggi vivaci che rappresentano ciò che eravamo, ciò che siamo e ciò che saremo in una rappresentazione quasi grottesca della realtà.

Una buona dose d'ironia accompagna il romanzo verso l'utopia, e chissà forse verso la Napoli di sempre che nello scorrere del tempo si aresta ma cammina, degenera ma rigenera, una Napoli dai mille colori che comunque e sempre trova l'aria per vivere nel suo senso di esistere.

La rivolta del Cral

La rivolta del Cral - Vittorio Milone - graus editore E 10

 

 

Copyright 2011. Joomla 1.7 templates. Non solo libri